BISOGNAVA ESSERE UN PO’ PIÚ COMUNITARISTI

A naso, indovinate chi vince le prossime elezioni?

COMUNITARISMO E POPULISMO

Secondo Alain De Benoist, attualmente viviamo in una fase di transizione caratterizzata dal “momento populista”. Dopo la Brexit, l’elezione di Donald Trump, l’avanzata in vari paesi dell’Unione Europea di forze definite di destra populista, l’Italia con le recenti elezioni si allinea a questa onda internazionale, inaugurando una nuova fase della storia repubblicana in nome della diarchia tra Movimento Cinque Stelle e la nuova Lega di Matteo Salvini.

Certamente, come insegnano le due edizioni dei testi di “Italia populista” di Marco Tarchi, il nostro paese è un laboratorio del populismo o, secondo alcuni, un paradiso. Con questo articolo intendiamo contribuire alla riflessione del fenomeno populista secondo una prospettiva comunitarista. Indubbiamente il populismo, soprattutto nel laboratorio nostrano presenta varie forme, indiscutibilmente non sempre inquadrabili in una proposta sovranista e identitaria di cui il comunitarismo vuole essere la via italiana. Tuttavia come sostengono vari studiosi e osservatori di questo complesso, multiforme e dibattuto fenomeno, il populismo, nel suo richiamo a un comune sentire popolare opposto al dominio di quella che Alain De Benoist definisce Nuova Classe, presenta una serie di elementi d’indubbio interesse comunitario, in un certo senso una spontaneismo comunitario, magari magmatico e contradditorio, che però riflette un senso di comunità minacciata dal pensiero unico e dalla sua antropologia individualista.

Il primo elemento, che possiamo vedere nel consenso penta-stellato e nel neoleghismo è un’insofferenza della cosiddetta working class piccolo borghese-operaia nei confronti  di un partito come il PD lontano dai territori, dai problemi, incentrato su specifiche battaglie che potremo definire left-libertarians, il cui moralismo immigrazionista, liberal appare persino irritante. Diverse persone, magari con un passato a sinistra, si trovano sempre più a disagio con la narrazione del principale partito del centro-sinistra.   Parallelamente si è svuotata a destra la figura di Berlusconi e il senso politico del suo movimento, anch’esso incapace di realizzare le promesse popolari  e soprattutto di smettere i panni elitisti e sterilmente polemici contro derive populiste pericolose solo per il modus vivendi e lo stile di nanetti, ruffiani, soubrette e loro ammiratori delle varie provincie italiane.

I leader e i comprimari  del berlusconismo potrebbero trovare migliore accoglienza tra le file di un soggetto politico radicale e liberale esistente o da definire.  Molti gregari gia delusi hanno dato il loro sostegno a Lega e 5 Stelle.  A livello meta politico, emerge parallelamente la figura di Diego Fusaro. Il giovane filosofo allievo di Costanzo Preve (autore del ragguardevole saggio Elogio del comunitarismo) dà voce a una voglia di comunità, che se vogliamo nasce a sinistra, che si incontra, con una nuova destra nazionale popolare e sociale incarnata dalla nuova Lega di Salvini. Come ha sottolineato lo studioso Matteo Luca Andriola, questo soggetto oltre ad assumere una leadership nell’ambito della destra e del centro destra esprime una controparte comunitaria anche a livello meta politico già dagli anni 80, che per comodità potremo etichettare di destra, che esprime un esigenza di sovranità, confine oltre che di attenzione sociale.

Un’attenzione al territorio che comprende anche domande neoliberali come Flat Tax, ma che guarda sempre più ad una visione protezionista,nativista,  come reazione al main strem dominante. All’inizio degli anni 90 si era parlato di “fine della storia” e persino un grande politologo e pensatore neofederalista come Gianfranco Miglio pensava che questa fase aprisse ad una era pan federalista. Il progetto dell’ Europa dei popoli, certamente più interessante, di quello funzionalista dell’ Unione Europea odierna. Tutto questo come è noto non si è concretizzato, in quanto troppo lontano e potremo dire comunitario per i poteri forti. Ma l’ Europa fatta senza i popoli ha contribuito a generare l’ Europa dei populisti e le Italie populiste. Alla luce di quanto sta avvenendo invitiamo tutti a riflettere sul  fatto che oggi più che mai il concetto di comunità è più che mai importante sempre se Evolianamente parlando si avrà il coraggio di uccidere il borghese in se stessi.

Revisione redazionale di Agra

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: