CARE AZIENDE, O CI FATE LAVORARE MENO O SMETTIAMO DI CONSUMARE

La soluzione al crollo dei consumi non è massimizzare i profitti non è la manodopera a bassissimo costo

Domani sarà tragedia, domani sarà insicurezza, domani sarà povertà. Sembra proprio che non si possa fuggire da questa previsione: il lavoro è destinato a diminuire  per fattori molteplici e tutti sono concordi. L’aumento della popolazione come l’utilizzo delle macchine per sostituire le persone e aumentare i profitti contribuiranno a dare una svolta epocale a tutto ciò che chiamiamo lavoro retribuito.

Da alcuni anni tutte le mansioni noiose, ripetitive e pericolose vengono piano piano gestite dalle macchine e se questo è qualcosa di buono va anche tenuto conto che circa il 70% dei lavoratori resta quindi a fare lavori di tipo intellettuale, creativo, di gestione di informazioni. Ma in molti settori anche questi lavori vanno a diminuire grazie all’iper tecnologizzazione.

La società e il lavoro stanno rapidamente cambiando e le aziende non si modellano in rapporto ai cambiamenti ma cercano solo di aumentare il proprio profitto non capendo quanto è già accaduto e si intensificherà: il crollo dei consumi. L’unica strada percorribile non è quella dello sfruttamento di manodopera meno costosa che giunge da paesi meno sviluppati, questa non è la soluzione. Se si procede verso questa direzione si aggraveranno le problematiche e aumenteranno in modo drastico i poveri. Solo in Italia, nell’ultimo decennio, siamo passati da 1,8 milioni di poveri a oltre 4 milioni. L’aumento di oltre 2,2 milioni di poveri sono consumatori in meno e quindi meno posti di lavoro e più  aziende chiuse.

La soluzione? Rivoluzionare il mondo del lavoro tramite un nuovo patto sociale tra Stato, aziende e comunità oltra  a una diminuzione di ore di lavoro a parità di stipendio. Questa soluzione contribuirebbe a un aumento delle persone impiegate e utilizzando il telelavoro  diminuirebbero costi per le aziende e spreco del tempo per gli spostamenti delle persone.

Molte delle attività di oggi possono essere svolte in ogni luogo e a qualsiasi ora; il lavoro intellettuale non dipende da tempo e luogo ma da obiettivi e cooperazione tra soggetti, destrutturando il tempo e lo spazio è possibile creare una nuova forma di lavoro in relazione a obiettivi contribuendo a diminuire diverse problematiche per aziende e società come:

  • Inquinamento
  • Costi aziendali
  • Risparmio energetico
  • Incidenti sul lavoro
  • Incidenti stradali

Questo tipo di soluzione contribuirebbe ad aumentar vantaggi di tipo personale come sociale:

  • Tempo libero
  • Gestione e soluzione di problematiche familiari
  • Costi sociali per inquinamento
  • Risparmio economico per le aziende
  • Rispetto della famiglia
  • Reddito per molteplici persone

La diminuzione delle ore di lavoro con l’utilizzo del telelavoro garantirebbero alla società post moderna consumi e profitti. In una fase di transizione verso un nuovo modello economico e una società basata sul consumo collaborativo, ecco la soluzione basata su un’impostazione comunitarista di transizione.

Fabrizio Fratus

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: