Se gli animalisti sono più bestie degli animali

di Riccardo Boccassini

L’associazionismo dovrebbe essere una forma di iniziativa trasversale o perlomeno di ampie vedute. L’associazionismo è importante perchè permette di affrontare tematiche sociali superando le rigide barriere degli schieramenti politici. L’associazionismo dovrebbe dunque agevolare il dialogo su certe tematiche tra cittadini e anche tra persone con posizioni politiche distanti. Così dovrebbe essere ma a quanto pare non è. Perlomeno a Milano. Perlomeno tra gli animalisti.

Vi racconto una storia: delle associazioni animaliste decidono di organizzare a Milano una manifestazione di sensibilizzazione sulla lotta alla vivisezione. Battaglia giustissima, contro le crudeltà degli esperimenti sugli animali ancora vivi. Qualunque organizzatore di una manifestazione spera che a questa aderisca più gente possibile, ogni persona che si aggrega aumenta il successo dell’iniziativa. Solitamente gli organizzatori iniziano a fare proclami, aprendo a tutti i liberi cittadini di ogni sesso e colore che vogliano dare un contributo attivo a questa lotta. Accade così che aderiscano molti individui e anche molte associazioni. Ma accade che tra queste ci sia un associazione che agli organizzatori non piace, non sta simpatica… perchè i suoi componenti simpatizzano per uno schieramento politico (in questo caso il Pdl) diverso da quello prediletto dagli organizzatori. E così questi ultimi decidono di vietare all’associazione di partecipare alla manifestazione… chissenenfrega se hanno la nostra stessa idea e ci danno una mano per la nostra battaglia. Votano un altro partito, non ci interessano e non li vogliamo.

Vi ho appena raccontato la storia (o meglio la cronaca, visto chè è sui quotidiani di questi giorni) di una manifestazione non libera, organizzata strumentalizzando una battaglia sacrosanta per portare vantaggio elettorale ad un’area politica. Purtroppo questa storia è in realtà ordinaria amministrazione quando pensiamo ad eventi promossi da realtà che si definiscono pro-democrazia, pro-libertà e pro-palle-varie.

2 Commenti su Se gli animalisti sono più bestie degli animali

  1. la stessa cosa è avventuta per il referendum sull’acqua pubblica, ed altre iniziative che potevano essere trasversali. Io non mi meraviglio: il comunista è uno degli esseri più intilleranti mai paaprsi sulla terra

    "Mi piace"

  2. Ciao
    vorrei precisare solo una cosa, che il gruppo in questione che il Coordinamento Fermare Green Hill non ha voluto a sfilare con sè per le strade di MIlano è un gruppo non tanto collegato al Pdl ma all’estrema destra neofascista. Gli organizzatori del corteo non sono comunisti e non sono vicini a nessun partito e non fanno propaganda partitica o politica, sono antispecisti che fanno solo “propaganda di idee”… il corteo era propaganda di idee contro la vivisezione ma anche contro la discriminazione dei più deboli, in questo caso gli animali, e come poteva avere al suo interno chi invece fa attività politica discriminante altri più deboli nel genere umano o discrimina in base al colore della pelle, alla nazionalità o al sesso? Mi sembra molto comprensibile. Informatevi su http://www.fermaregreenhill.net

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: