DI SUCCESSO, QUINDI PERSEGUITATO: LA STORIA DEL CONTE MASCETTI

Un imprenditore ribelle, anarchico e perseguitato

Mi chiamo Massimo Fonti, ho quasi 57 anni, sono genovese e da qualche anno sono conosciuto come il Conte Mascetti (marchio registrato in tutta Europa e di mia proprietà).

Sono imprenditore dal 1984 e fino al 2006 ho spaziato in vari settori: dolciario/alimentare come produttore e distributore, informatico come importatore ed esportatore , nella produzione televisiva e cinematografica ed aprendo e gestendo alcuni pub e ristoranti in Italia e Spagna, con alterne fortune nel 2001 ho raggiunto il massimo dei miei risultati fatturando con il gruppo di aziende a cui facevo capo più di 150 milioni di euro ma a causa dei grandi volumi d’affari nel 2002 le agenzie tributarie ed i tribunali di Italia ,Spagna e Francia (dove avevo costituito 18 società) hanno iniziato a fare delle indagini su di me, perché quando si raggiungono certi fatturati , per “principio” il Sistema pensa che tu sia un evasore fiscale! In Francia e Spagna tutto si è risolto per il meglio in pochi mesi, in Italia mi hanno “perseguitato” per 6 anni , per poi finalmente assolvermi per non aver commesso il fatto.

Nel 2007 la grande svolta: erano i primi mesi dell’anno e mi stavo occupando di licenze sui marchi di squadre di calcio di serie A italiane legate a prodotti di merchadising e alcuni miei collaboratori che si occupavano di grafica mi hanno fatto provare delle capsule a base di estratti naturali, per amplificare le prestazioni sessuali nell’uomo…
Al tempo avevo da poco compiuto 46 anni e non avevo mai provato neanche i prodotti chimico farmaceutici in commercio oltre ad avere una spiccata avversità per i medicinali in genere. Provo questo prodotto e ne rimango subito stupito per l’effetto incredibile sul mio apparato sessuale… Allora nei giorni successivi provo anche tutti e 3 i prodotti farmceutici in commercio e mi rendo conto che funzionano ed agiscono più rapidamente, ma danno fastidiosi effetti collaterali come emicrania, tachicardia e produzione di acido lattico nei muscoli. Al contrario le capsule a base di estratti naturali non danno nessun effetto collaterale se si esclude, solo le prime volte e non sempre, un leggero senso di “naso tappato” perché pur essendo naturali sono pur sempre vasodilatatori che agiscono particolarmante nei corpi cavernosi che sono presenti anche nelle cavità nasali.

Vedo chiaramente il business in questo incredibile prodotto e per esperienza mi rendo conto che è necessario creare un marchio giovane, trendy e accativante da promuovere su canali altrenativi a quelli farmaceutici: mi rivolgo ad un grande professionista che in poche settimane crea il marchio ed il logo Libid Bull – L’integratoro!, che registro subito in tutta Europa. Mi rendo conto che per lanciare il marchio bisogna fare un investimento abbastanza importante e pianifico la campagna promozionale estiva sulla Riviera Romagnola , sponsorizzando più di 40 serate nei più importanti locali notturni e discoteche a Rimini, Riccione, Milano Marittima (Rock Island, Coconuts, Prince,Mojito,Moscabianca,Operà, Hakuna Matata,Pineta e Villa Papete) in cui ero sempre presente con il nome d’arte di Mr. Libid Bull, con la collaborazione di modelle e starlette dello spettacolo regalavamo centinaia di confezioni di prodotto e t-shirt a marchio agli ospiti . Inoltre durante l’estate ho sponsorizzato anche 2 trasmissioni televisive “A spasso con i Vip” in onda su reti Sky e “Reality Game” su Sky ed Italia 1.

Ho continuato per i primi 3 anni a fare promozione ,nei locali più prestigiosi di Milano (Hollywood, De Sade, Tockville, The Club, Alibi, Codice a Barre, Rock’n Roll, Magazzini Generali, Ricci Café), Genova (Fellini, Scandinavian, Mako), Versilia (Cannicia e Twiga), Venezia (Area), Roma (Piper), con testimonial del calibro di Max Brigante e Joe T Vannelli ,Ringo ed i Club Dogo),collezzionando più di 200 serate. Ho comprato anche una decina di spazi pubblicitari per grandi affissioni a Milano,Genova, Roma, Tangenziali ed Autostrade. Ho sponsorizzato un calendario di Dana Ferrara (mia prima testimonial) legato ad una rivista che vendeva 80.000 copie. Ho sponsorizzato la Scuderia Ferrari di Modena al Motroshow di Bologna 2009, con enorme successo. Ho fatto publicità,attraverso uno spot video di 60 secondi, per 4 mesi, in 50 Hilton Hotel negli USA, Mexico e Dubai. Mi sono mosso anche in modo non ufficiale regalando o facendo regalare il prodotto a molti giocatori del Milan e dell’Inter, corridori del Moto GP, e cantanti italiani noti a livello mondiale. La distribuzione delle pastiglie era ancora poco consolidata, in compenso le t-shirt nate per omaggio pubblicitario piacevano molto e ne ho venduto centinaia di migliaia di pezzi in tutta europa.

Nei primi tre anni ho investito quasi 4 milioni di euro in comunicazione (inizaimente attraverso due mie aziende italiane ed una spagnola, poi ho costituito la Libid Bull spa con 1 milione di capitale sociale interamente versato) ed almeno 200 notti del mio tempo per partecipare personalmente agli eventi e finalmente a novembre 2010, quando il prodotto era ormai conosciuto e “sdoganato” da vari VIP e moltissimi italiani comuni, mi sono arrivate quasi contemporaneamente 3 richieste da parte di 3 grandi distributori parafarmaceutici ed erboristici, per centinaia di migliaia di pezzi mensili.

Ma come si sa, le voci corrono in certi “corridoi” e a dicembre dello stesso anno, mi arrivano in ufficio in ordine: Agenzia delle Entrate, Ministero della Salute e una denuncia da parte della Red Bull per plagio. Tutti e 3 assieme mi mettono in ginocchio, prodotto bloccato dal Ministero (dopo 3 anni in cui era in commercio legalmente), circa 1 milione di euro di credito iva bloccato dall’Agenzia delle Entrate, e l’impossibilità di vendere l’abbigliamento per via della Red Bull.

È chiaramente una congiura, il mio prodotto funziona molto bene, non dà effetti collaterali ed è fatto con estratti naturali , le Big Pharma non vogliono che si crei un precedente, io più di tanto non farei mai (al massimo potrei acquisire il 3% del mercato italiano) ma altri potrebbero seguire il mio esempio… Mi ritrovo indagato , nei guai con le vendite e finaziariamente.

Sono costretto a chiudere la sede di Corso Como a Milano e a licenziare 2 di 4 dipendenti, nei mesi sucessivi mi dedico alla ricerca di prodotti alternativi e simili in oriente (il mio prodotto fino a qual momento l’avevo acquistato in Svizzera e poi in Polonia). Entro in contatto con un grande produttore di questo prodotto a base di estratti naturali in Cina, un azienda seria e dinamica, che riesce a darmi un prodotto ancora migliore dei precedenti, creo altri marchi li notifico regolarmente al ministero della salute e riprendo a commercializzarli da solo, chiaramente i volumi sono molto più contenuti, ma continuo a lavorare, nel giugno del 2015, attraverso l’aiuto di un importante blogger di Facebook e di un seguitissimo Youtuber, riesco finalmente ad entrare molto bene in rete, creando per l’occasione il marchio Erbe di Aphrodite.

Dal 2010 ad oggi , ho subito 4 processi penali in Italia per evasione fiscale che non ho mai commesso, condannato in primo grado in due occasioni e in secondo grado una volta, senza uno straccio di prova contro di me, solo per deduzione e sospetti, per non aver utilizzato sempre le banche per i pagamenti o gli incassi… Io non amo le banche che reputo maggiori responsabili del declino economico mondiale, per cui ho spesso utilizzato altre forme perfettamente legali di pagamento come contanti (nei limiti consentiti dalla legge), contratti di cessioni di credito, compensazioni contabili quando si hanno reciproci rapporti di cliente e fornitore.

Purtoppo nel sistema giudiziario italiano, i magistrati hanno un potere smisurato e fanno davvero quello che vogliono e la categoria degli imprenditori, soprattutto dopo il governo Monti, è vista come una banda di evasori fiscali.

L’ultimo “scherzetto” che mi hanno fatto, in questo caso in Spagna dove risiedo da anni, è stato il 10 marzo 2015, di arrestarmi ,dopo una segnalazione non ufficiale in cui si diceva io vendevo farmaci scaduti, nella perquisizione a casa mia hanno trovato 300 kg di erbe (cammomilla, Damiana, Maggiorana e timo), resina di pino ed altre sostanze perfettamente legali (tra l’altro prodotti non miei ma di un azienda di un amico) ed hanno deciso di arrestarmi per narcotraffico internazionale (avendo scambiato quelle erbe per droga).

Ho fatto 23 giorni di carcere in Spagna in mezzo a veri narcotrafficanti, pluriomicidi, tossici, pedofili e violentatori, un’esperienza molto triste che ha confermato già l’idea che avevo del sistema carcerario: inutile e punitivo senza il minimo tentativo di migliorare chi ha sbagliato.

Alla fine mi fanno uscire e messo in libertà vigilata, in attesa delle análisi aproffondite sui prodotti sequestrati, dopo 1 anno arrivano i risultati delle analisi e confermano che si tratta di sostanze del tutto legali, il mio avvocato chiede l’archiviazione, ma da altri 15 mesi aspetto ancora in libertà vigilata con l’obbligo quindicinale di firma e di non uscire dal paese se non per le altre vicende giudiziarie italiane e per motivi sanitari (negli ultimi 15 mesi mi “sono fatto” anche un tumore osseo al cranio rarissimo, con operazione neurochirgica di 7 ore e 2 mesi di radioterapia protonica).

Tuttora hanno ancora sotto sequestro: il mio passaporto, denaro, molta merce, atrezzature, 3 mac con 3 manoscritti di libri che stavo scrivendo, 2 I-phone , 1 i pad e tre stampanti..
In questi ultimi due anni mi hanno aiutato molto con le interviste che mi hanno fatto tutti i ragazzi dello Zoo di 105 , Giuseppe Cruciani di Radio 24 e in modo indiretto ma molto utile Ringo, Max Brigante, DJ Giuseppe, Rosario Pellecchia, Fabiola, Squalo, Paolino e Martin, Roger Mantovani, Danny Virgilio, di Radio 105,Virgin Radio e Kissi Kiss Radio, tutti grandi amici e felici consumatori del mio prodotto.

Concludo , sottilineando che nonostante tutte le persecuzioni subite , io vado avanti con la mia vita ed i miei progetti imprenditoriali, perché mi sento un uomo esperto cui non fa paura nulla e soprattutto mi sento ONESTO!

Conte Mascetti

www.erbediaphrodite.com

 

Annunci

1 Commento su DI SUCCESSO, QUINDI PERSEGUITATO: LA STORIA DEL CONTE MASCETTI

  1. Auguroooooni.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: