Il pisello di Berlusconi (ora si spiega tutto)

di Vincenzo Sofo

Il pisello di Berlusconi deve avere qualcosa di esoterico, magnifico, unico. A quanto pare ha poteri miracolosi: basta toccarlo che vieni proiettato verso traguardi prima impensabili… ricorda i cavalieri che poggiavano la spada sul capo altrui in segno di benedizione.

Il pisello di Berlusconi ha doti magiche: si dice che possa trasformarti in men che non si dica in ministro, consigliere regionale/comunale/chicchessia… talvolta impedisce pure di finire in carcere, o in questura. Dipende. Deve essere persino immortale, perchè a settantanni passati è ancora lì. Qualcuno sostiene che in realtà a Berlusconi non tiri più, e che si concentri esclusivamente su pratiche minori. Noi dubitiamo: anzi riteniamo che a dar longevità e rigidità al suo pene sia la salubre aura di Villa Certosa, già rigenerante per i suoi ospiti… come generosamente ci mostra la foto pubblicata su El Pais e riportata qui sotto, che mostra l’ex primo ministro ceco Topolanek con il fallo vigoroso e ritto verso l’obiettivo… in questo caso una giovin pulzella.

Attorno al pisello di Berlusconi ruota tutta la politica italiana. Persino gli schieramenti politici possono essere desunti a partire dal pisello di Berlusconi. E qui l’invidia ha un ruolo fondamentale. Ad esempio si può capire perchè Fini gli abbia tolto l’amicizia: mentre Silvio tromba a destra e a manca fanciulle di indubbia bellezza, Gianfranco si è dovuto accontentare degli scarti di Gaucci… per di più, da quando è uscita la foto che ritrae nudo anche il Presidente della Camera, quest’ultimo si sarà sentito umiliato dalla netta superiorità del pisello di Berlusconi. Lo stesso vale per il leader dell’Udc Casini, che le foto decretano meno dotato del Silvio nazionale e che infatti strizza l’occhio alla sinistra.

Non a caso l’unico alleato fedele resta Bossi,che –  si sa – ce l’ha duro… e qualcuno dice pure sia ottimamente dotato.

Discorso a parte merita la sinistra, che sotto sotto è l’unica a tifare per il pisello di Berlusconi. Il buon funzionamento del fallo pidiellino infatti garantisce loro sopravvivenza: finchè ci sarà erezione, la competizione elettorale potrà essere fatta sulle passioni di Berlusconi. Quando anche a lui smetterà di tirare, Bersani e soci saranno costretti a parlare di programmi e di riforme. E lì, come si suol dire, “so’ cazzi”!

Quanto al popolo italiano, non resta che sperare che il pene di Berlusconi diventi definitivamente moscio. Soltanto allora si potrà tornare a parlare di cose serie.

4 Commenti su Il pisello di Berlusconi (ora si spiega tutto)

  1. è una cosa indegna di quello che sta succedendo nella politica italiana erano santi i politici della prima repubblica – viva andreotti – viva craxi – viva forlani – ed altri

    "Mi piace"

  2. mi sa che era l’ex primo ministro ceco Topolanek il padrone del membre eretto…però per il resto gran post 🙂
    http://it.wikipedia.org/wiki/Mirek_Topol%C3%A1nek

    "Mi piace"

  3. Viva Berlusconi. Da sempre il miglior “politico” in Italia. Alla faccia della sinistra, da sempre, incapace.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: