L’ OMOFOBIA SPIEGATA A ZAN

Le botte ai culattoni

Io sono nato e cresciuto nei paesi del profondo nord. Paesi lombardi, preciso. Tra gente che parlava solo il dialetto. Io parlo di ciò che ho visto. Quando ero ragazzo, mai ho visto un omosessuale, un culatòn, come da letterale traduzione lombarda, venire deriso, in nessun modo umiliato. Non uno schiaffo. Non un pugno. Anzi. In Lomellina, un ben noto omosessuale, artista e costumista teatrale, veniva in quegli anni da tutti osannato, da tutti benvoluto. Ad abbiategrasso, l’Agostino Show, che amava travestirsi, per tutta la sua, peraltro tribolata, vita ha goduto dell’affetto sincero di un paese intero. Mi fermo qui. La prima volta, avevo diciassette anni, che ho visto un omosessuale picchiato, è stato a Milano, al Lorenteggio, vicino Piazza Tirana. Chi sa di Milano, capisce il luogo. Da lì in avanti, la Nera dei giornali milanesi, di questi fatti, si è riempita. Nei nostri paesi, nella vecchia Lombardia rurale e ancora in parte contadina, l’odio verso gli omosessuali non è mai esistito. Chi lo era aveva semmai fama di originale, fuori dal coro, in tal modo associato ai molti personaggi bizzarri che un tempo popolavano le mie terre, da tutti vissuti alla stregua di folli visionari. I culatòn erano parte di noi. Del paese. Del cortile. Di noi. A partire dagli anni settanta, è nato l’odio. E’ nato nella disperata grande metropoli del boom economico. Tra gente cattiva, sradicata, disumanata, senza più fegato, senza più lingua. E’ nato quando le luci delle vetrine, della merce, del denaro sbattuto in faccia, si sono accese, così mostrando alla canea dei disperati tutta la loro disastrosa bruttezza. Ecco chi picchiava i culattoni. Ecco chi oggi li picchia.  

I bòtt ai culatòn

Mì som nassu e cressuu in di paes del Profondo Nord. Paes de Lombardia, a precisi. Tra gent che la parleva domà in dialett. Mì parli de quel che hoo veduu. Quand che sevi on fioeu, mai hoo vist on culatòn a vess ciapaa per al cuu, digh parolasc, umiliaa. Non on s’giaff. Non on lurdòn. Anzi. In lumellina, gha n’eva vun, artista e costumista teatral, che tucc gha feven festa, tucc gha voreven ben. A Biegrass, l’Agostino Show, che gha piaseva vestiss de dònna, per tutta la su’ vita sacramenta al gh’ha ‘vuu on fracch de amis, che la juteven e gha deven affett. A ma fermi chì. La prima volta, a gh’evi derset ann, che hoo vist on culatòn piccaa, a l’è staj a Milan, al Lorentegg arent Piazza Tirana. Chi ‘l cognossa Milan, a l’ha capii che post che l’è. De lì in avanti, la Nera di giornaj de Milan, de stì ròb chì, la s’è  impienii. In di nòster paes, in de la veggia Lombardia di paes, al gh’è mai staj l’odi cuntra i culattòn. Chi l’eva inscina gha deven de l’original, quel foeura del cor, inscì de mettel insema al viament de personagg un puu bislacch che di qji temp là a steven chì de num. Even i nòst’ matt. I culatòn even part de num. Del paes, de la curta, de num. A comencià di ann settanta, l’odi a l’è nassuu. A l’è nassuu in de la granda metropoli disperaa del boom economich. Tra gent grama ‘me ‘l rugh, desculaa, senza  puu né fidigh né lengua. A l’è nassuu quand’ che i lus di vedrin, de la ròba de vend e de comprà, di danee sbattuu sul mus, s’han pissaa, inscì de mostrà a la risma de disperaa de la metropoli come in realtà eren brutt, ma brutt debòn.  Eccula chi l’è che l’ha comenciaa a piccaa i culattòn. Chi ja picca al dì d’incoeu.

Luis Balocchi ( tratto dalla sua pagina facebook )

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: