DALLA PADELLA ALLA BRACE

Vi avevamo fatto smettere con il porno e ora vi drogate di Netflix..

Pare che Netflix sia una nuova attrazione per i giovani (e anche per i meno giovani). Ovviamente un passatempo da godersi in solitudine, in quanto la presenza di altre persone potrebbe distrarre dalla gustosa evoluzione della trama dei telefilm. Pare inoltre che Game Of Thrones, celebre serie televisiva, stia spopolando sempre di più. Sommate i due addendi et voilà, ecco una moderna ed efficiente forbice per il taglio dei legami comunitari tra esseri umani, sempre meno uomini e sempre più individui.

Se, per anni, il mercato della snaturalizzazione ha creato, tramite la pornografia, una maggior offerta per gli uomini, lo stesso mercato è divenuto cosciente del fatto che occorresse un’evoluzione. Cosa allora meglio di un’offerta che potesse occupare anche il tempo delle donne e, ancor meglio, essere unisex (tradotto: meno segmentazione di mercato e più consumatori di un solo prodotto)? Le serie TV, appunto: mostri virtuali in grado di porsi come fattore principale dell’influenza emotiva dei suoi fruitori, sempre più immersi nel desiderio di conoscere ciò che avverrà nelle puntate successive, al punto che il mondo circostante, ossia quello reale, diventa sostanzialmente superficiale, come se fosse esso ad essere diventato paradossalmente una mera proiezione.

Youporn, infatti, è un prodotto che presenta ancora qualche difetto. Vero, era utilissimo per rendere gli esseri umani sessualmente incapaci, quindi sempre più insoddisfatti, quindi sempre più alla ricerca di soddisfazione virtuale (questo anche per specificare che la critica non vole essere moralista-benpensante). È, però, ancora avvolto da un leggero alone di malignità, che lo rende appetibile ad una fetta ancora relativamente limitata di popolazione.

Netflix, invece, riesce a presentare una gamma di prodotti dai contenuti accessibili a tutta la famiglia, da non guardare però in famiglia. Telefilm che creano psicosi, alterano l’umore e creano dipendenza. Contrariamente alla pornografia e alle dipendenze ad essa correlate, Netflix è assolutamente sdoganato in un passaparola tra persone perbene. È perciò il fratello modello, educato benpensante, quindi presentabile, di Youporn. Ed è altresì complementare a quest’ultimo: se infatti Youporn è causa di decadenza sessuale, Netflix danneggia in modo più ampio la capacità di instaurare rapporti sociali.

L’umanità ha il difficile compito di tornare a poggiare le sue fondamenta sulle birrerie, sui circoli, sui sentieri montuosi, sullo sport e sulle biblioteche, distruggendo questo sistema di ipnosi digitale. Altrimenti, quel mercato che brama un’omologazione travestita da un mal declinato concetto di uguaglianza, ci sotterrerà.

Lorenzo De Bernardi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: