SOVRANISTI E IDENTITARI: ECCO LA SINTESI

Ne parlavamo già quattro anni fa (e in pochi ci credevano)

Stiamo realmente vivendo una rivoluzione culturale? I concetti di destra e sinistra sono al termine? Stiamo davvero attraversando un passaggio politico epocale?

Il nuovo governo è nato ed è di estrazione populista, come ha rivendicato il nuovo Presidente del Consiglio Giuseppe Conte. Tutto è avvenuto velocemente, in pochi anni, la rivolta dei ceti medi e produttivi italiani passa da un’alleanza eterogenea, movimentista e in forte contrapposizione al modello dominante in Europa.

Quanto sta capitando in questi giorni sembra dare forza alla tesi della dicotomia destra e sinistra per l’affermazione di uno scontro tra potere e sudditi tradotto in Popolo vs Elite.

Ma tutto è nato all’improvviso o è possibile trovare un filo conduttore nell’alleanza tra due movimenti populisti, sovranisti e identitari di diversa estrazione?

La descrizione di quanto stava avvenendo e si sta sviluppando in Italia è stata raccontata in un libro del giornalista internazionale Luca Steinmann, Daniele Frisio e Benedetta Scotti, Vie traverse. L’identità contro la società frammentata, non  nuovo (è uscito nel 2014 per Historica Edizioni), ma che ha raccontato per primo, con interviste specifiche, la sintesi tra sovranisti e identitari.  Un manuale veloce e semplice composto da interviste a coloro che da anni analizzano e studiano il populismo come la richiesta di maggiore sovranità e la difesa dell’identità.

Tra gli intervistati anche Matteo Salvini, fresco di elezione a segretario della Lega, che già nel 2014 traccia un percorso ben definito sulla nuova Lega da lui sognata, che oggi vediamo realizzarsi al governo.

Ma assieme al neo ministro troviamo anche il pensiero di Diego Fusaro agli inizi della sua battaglia contro il “turbocapitalismo apolide” in difesa della famiglia come cellula da cui nasce la comunità (ripercorrendo la filosofia di Platone e Aristotele) e la religione, tutto questo partendo da una analisi nuova di Marx.

Nel libro troviamo anche il pensiero di Pietrangelo Buttafuoco e di Ugo Tassinari.

Tra coloro che sono stati intervistati da Luca Steinmann troviamo anche Alessandro di Battista, uomo forte del Movimento 5 Stelle oggi al governo con la Lega in questa nuova alleanza battezzata “gialloverde”.

Leggere il libro di Luca Steinmann oggi aiuta a comprendere meglio passaggi della politica spesso incomprensibili, ma che in realtà hanno un retroterra ben specifico.

L’autore del libro ha cercato di comprendere se vi siano valori condivisi tra soggetti provenienti da diverse esperienze culturali, sociali e politiche, un’indagine sviluppata tramite interviste dirette per cercare la sintesi di idee e soluzioni attinenti alle problematiche della realtà politica ed economica, per non dire storica, che stiamo vivendo con il nuovo governo.

Diceva Bernanos: “esiste una borghesia di sinistra e una borghesia di destra. Non c’è invece un popolo di sinistra e un popolo di destra, c’è un popolo solo“.

Fabrizio Fratus per ilgiornaleoff

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: