SILVIO PUNTA LA MARCEGAGLIA. APPLE E FACEBOOK CREANO LA DOPPIA MONETA

Di recente Berlusconi ha avuto una buona idea: che non si chiama Marcegaglia e che le grandi aziende americane gli stanno fregando.

Credo proprio che Berlusconi questa volta ne ha combinata un’altra delle sue. Per smuovere un po’ le acque di una tediosa estate, ha ipotizzato una futura leadership di Sergio Marchionne, Marpionne per Dago, che tutto vorrà fare nella vita tranne che avere troppi occhi indagatori sui suoi meritatissimi guadagni. Mossa astuta. Mi risulta sia, invece, un’altra la carta segreta che vuole giocare Berlusconi, che non è certo quella di Carlo Calenda, ambizioso ministro che ha già voltato le spalle a Montezemolo e a Renzi. E’ una donna con la M ingombrante, ma non, purtroppo, sua figlia Marina.

La briscola che vuole tirare sul tavolo è la Presidente dell’Eni, Emma Marcegaglia, che con il suo gruppo familiare e’ una delle principali debitrici del sistema bancario italiano. Berlusconi, rivelandosi ancora una volta uomo generoso, dimentica che, dopo una breve luna di miele, la nuova signora dell’Ilva, allora Madame Confindustria, è stata la prima a tradirlo, accodandosi festosa al golpe organizzato contro il suo governo dal Quirinale di Giorgio Napolitano. Del resto anche lei, che all’Eni apprezzano per l’uso della flotta aziendale ‘per motivi di sicurezza’, ha fatto come Calenda e ha mollato Montezemolo che l’aveva ‘benedetta’ per Viale dell’Astronomia.

Berlusconi, anziche’ guardare indietro, dovrebbe puntare dritto ai giovani, coinvolgendo quei millennials che, delusi da Renzi, cercano un nuovo punto di riferimento. Quando per primo ha lanciato l’idea della doppia moneta, lo hanno deriso tutti, tranne, paradossalmente, proprio le nuove generazioni, già abituate con i Bitcoin, Ethereum e Blockchain. Tutti termini sconosciuti a noi vecchietti ma che in rete sono “buzzwords”, parole in voga.

D’altronde, una propria piattaforma di pagamenti se la sono già fatta in casa le più grandi aziende americane, da Apple a Starbucks, e ci sta pensando pure Facebook. Una nuova forma di disintermediazione che di sicuro non piace a Banca d’Italia o Bce, ma che è già realtà ed è destinata a diffondersi sempre di più. Un tema su cui, superando tutti, Berlusconi ha saputo mettersi in sintonia con i giovani.

(tratto da Il Tempo)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: