ONORE A LAPO, VITTIMA SACRIFICALE DEL PERBENISMO BORGHESE

Perchè, se ci pensate, non è altro che il prodotto ben riuscito della società che tanto decantate.

Una sceneggiatura degna di un film B-movie con qualche spruzzata di grottesco. Lapo Elkann arrestato in America per aver finto un rapimento e chiesto alla propria famiglia diecimila euro di riscatto da devolvere alla escort transessuale contattata per vivere 48 ore di bagordi, tra alcool e cocaina. Nemmeno con tanta fantasia e forza di volontà sarebbe stato possibile ideare una sceneggiata così tragicomica e bizzarra. Ma si sa, spesso la realtà supera la fantasia e oggi sui giornali e sui social network si è parlato solamente delle incursioni dell’ereditiere nipote di Gianni Agnelli. Sfottò, prese in giro, commenti moralisti e chi più ne ha più ne metta sono stati scagliati contro lo scapestrato rampollo della Torino bene, che a distanza di dieci anni torna a far parlare di sé a causa dei suoi problemi con droga, sesso e alcool. Ops, he did it again. C’è ricascato, di nuovo.

Per un’intera giornata, i social si sono dunque trasformati in una sorta di raduno di Savonarola in erba che erigendosi a giudici della moralità altrui hanno iniziato a sfoggiare saggi consigli e inferocite critiche, accanendosi sulla carcassa di un Elkann indifeso senza porsi la benché minima domanda. Troppo ghiotta era l’occasione per i Robespierre del Web sempre pronti a impartire lezioni di vita a chi dimostra di vivere sfacciatamente al di fuori degli schemi precostituiti. Ma se la risata strappata dall’assurda vicenda vissuta da Lapo può anche essere umana reazione, quel che invece è assolutamente disumano è il tentativo di sfruttare la grottesca situazione per cercare di pulirsi la propria coscienza e in qualche modo assolversi dai propri peccati sfruttando lo strambo e buffo capro espiatorio della giornata odierna. E domani? Domani sarà un altro giorno, il rullo delle agenzie girerà e ci servirà sul piatto d’argento l’ennesima vittima da sacrificare sull’altare del perbenismo.

Sarebbe invece stato esercizio utile e interessante il provare a scavare nel profondo della vicenda e analizzare le motivazioni che portano questi fragili e irrisolti ricchi rampolli dall’apparente vita perfetta e luccicante alla sistematica autodistruzione di se stessi e domandarsi quali traumi, turbamenti e choc mai rivelati siano stati costretti a subire dentro la perfetta prigione dorata mostrata dai servizi di gossip, anziché continuare a vivere la vita puntando il dito e giudicando chiunque riteniamo non essere all’altezza di conformiste aspettative borghesi.

(di Charlotte Matteini, tratto da Fanpage.it

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: